You are here: Home » Uncategorized » Mobili e lavabi per il bagno

Mobili e lavabi per il bagno

A volte il design del nostro arredo bagno è condizionato innanzitutto dalla scelta della tipologia di lavabo, perchè ognuno ha i suoi pro e i suoi contro e per ogni soluzione si deve andare a scegliere l’articolo più adatto all’ambiente che desideri realizzare.

Al giorno d’oggi c’è solo l’imbarazzo nella scelta sia a livello estetico che materico, sia materiali utilizzabili che la forma di lavabi e vasca sono innumerevoli. Ma quali sono i tipi di lavabo esistenti in commercio?

Lavabi da appoggio, anche denominati “tutto fuori“: sono forse la soluzione più elegante, classica o contemporanea a seconda del design scelto e si possono utilizzare sia con i top sospesi, sia con i top su base portalavabo contenitore.

lavabo tuttofuori milk

Lavabo integrato: è un piano, un top e superficie unica  di vario materiale, cristallo, corian, teknorit, che integra la vasca. Solitamente viene appoggiata alla base sottostante, oppure nelle soluzioni e mobili bagno di maggiore design, fissato e sospesa alla parete.

Lavabo consolle o monoblocco: di dimensioni standard, generalmente prende la forma esatta della base portalavabo sottostante, è la tipologia di sanitario più tecnica e funzionale e viene utilizzata proprio con i mobili bagno monoblocco.

Lavabo Freestanding: è la tipologia di sanitario più scenografico, a posizionamento libero, è generalmente un monoblocco che viene posizionato a terra e comporta una modifica o collocazione di scarichi e allacci acqua insoliti, che scorrono e arrivano al pavimento.

lavabo freestanding

Lavabo e top sospesi: sono, come dice la parola stessa, sospesi e fissati a parete da staffe sotto lavabo o a scomparsa, in questo caso dovrai avere cura nella scelta di un sifone di design e che i mobili bagno contenitori dovranno essere posizionati in altri punti della stanza.

Lavabo a incasso: la vasca è inserita all’interno del top, questo viene forato su misura ed il lavabo può essere soprapiano se i bordi fuoriescono dal top, oppure sottopiano, in questo caso le soluzioni più adatte sono quelle che utilizzano per il top materiali resistenti nel tempo, come il marmo.

Al di là della scelta dettata da ragioni estetiche o funzionali, dobbiamo considerare in tutti i casi  che l’altezza massima del filo lavabo non dovrà mai superare, se non in casi rari e particolari, gli 85-90cm. , dobbiamo inoltre porre attenzione alla presenza o meno del troppopieno, ad esempio nei lavabi d’appoggio molto spesso questo non è presente, perciò la piletta sarà a scarico libero.

Non dobbiamo inoltre dimenticare che la scelta del lavabo, oltre a condizionare quella dei mobili bagno, condizionerà anche quella del miscelatore, che nel caso di lavabi d’appoggio, dovrà essere quasi sicuramente a canna alta, nel freestanding dovrà essere o a parete o adirittura che parta da terra, mentre in tutti gli altri casi potrebbe andare bene il classico miscelatore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *